Il mondo delle sublocazioni immobiliari può regalarci grandi soddisfazioni sotto l’aspetto professionale ed economico. Vediamo di capire come il metodo Stanza Semplice si propone innovativamente di generare rendite automatiche, individuando innanzitutto da dove partire.

Il concetto è molto semplice (come appunto il nome del brand suggerisce):

Prendiamo in locazione un immobile.

Lo ristrutturiamo rimodulando gli interni per massimizzarne la redditività, intervenendo con operazioni reversibili (cartongesso) e spendendo pochi soldi (ricordiamoci che stiamo investendo su immobili altrui, la stessa ragione per cui il nostro rischio di impresa è comunque vicino allo Zero).

Infine lo sublochiamo a studenti universitari marginando considerevolmente fra l’affitto e i subaffitti (e sarà sempre di più il margine di guadagno dalle nostre indagini, qui un articolo che lo conferma)

Dietro a questa semplicità concettuale si nasconde un mondo di nozioni teorico-pratiche che ci serviranno innanzitutto per rendere davvero profittevole ogni operazione e sopratutto capire come automatizzare il più possibile tutta la struttura che andremo a creare.

Il metodo stanza semplice si compone di un centinaio di procedure che se attuate scrupolosamente affiancate al sistema informatico centralizzato che offriamo ai nostri affiliati, vediamo che oltre il 90% dell’operatività sarà appunto “automatica”.

Non ha caso parliamo di rendite automatiche!.

Vediamo subito che queste fasi sono totalmente replicabili virtualmente all’infinito. Fatto una volta, lo possiamo replicare tante volte quanto il mercato ci permette, che ti assicuro essere davvero enorme e in continua espansione.

Gli studenti universitari continuano ad aumentare in tutte le città italiane mediamente del 4%. Lo puoi verificare tu stesso su qualsiasi articolo che tratti l’argomento come questo.

Ti domanderai perchè abbiamo scelto come focus marketing lo studente, beh qui c’è un articolo che tratta proprio l’argomento.

Prima di iniziare a sognare di imbarcarsi in questa avventura è comunque doveroso fare le dovute analisi del proprio mercato di riferimento: Quanti studenti risiedono nella mia città? Quanti di questi sono fuori sede?

Una volta capita la potenzialità reale e appurato che la mia città sostiene questo modello di business allora possiamo passare all’azione.

Sarà necessario interiorizzare tutti gli strumenti che ci serviranno per pianificare e attuare il nostro sviluppo di impresa (tutte nozioni che apprenderemo nella fase di start up affiliato nella nostra università delle sublocazioni) che possiamo definire in 4 macro – categorie:

  • Il piano marketing e comunicativo per individuare gli immobili più deputati alle nostre esigenze e massificare le acquisizioni avendo chiare le giuste leve da usare per mostrare autorevolezza e competenza agli occhi dei proprietari di casa, che devono necessariamente sposare il nostro progetto (con il nostro metodo statisticamente il tasso di conversione è pari al 25%, quindi se parliamo con 100 proprietari di casa in 25 decideranno di aderire).
  • Come poter ristrutturare gli immobili massimizzandone la redditività a poco prezzo.
    (su questo punto ci aiuterà di certo il collegamento diretto con il nostro ufficio tecnico. Una squadra di ingegneri e geometri che si occupano di riprogettare gli interni degli appartamenti in acquisizione dei nostri affiliati).
  • Il piano marketing per intercettare tutti gli studenti universitari tenendo alto il tasso di riempimento stanza tutto l’anno (noi abbiamo una media nazionale del 98,9 %)
  • Il pacchetto procedurale dell’organigramma rigorosamente scritto per non lasciare nulla al caso e automatizzare fino al 90% del operatività lasciandoci liberi di investire tempo nello sviluppo.

Questo sistema testato inoltre ci permette di avere il totale controllo su ogni cosa e tutti sappiamo benissimo che questo aspetto è determinante per ogni tipologia di impresa.

Generare rendite automatiche e quindi un buon Cash Flow seguendo questo modello di business è possibile in moltissime città italiane (circa 140) e il trend è in continua crescita.

Posso affermare senza indugio che le realtà con il mercato più sviluppato (parlo di Bologna, Roma, Milano, Firenze etc.) sono anche le più difficoltose sotto alcuni punti di vista.

E’ chiaro che in certe città dovremmo scontrarci di per se con altre piccole nicchie di mercato rivali.

Se in Italia mediamente il 97% dei nostri competitor sono piccoli proprietari che improvvisano questo mestiere (il che ci dà enorme vantaggio), in queste città dove i numeri sono davvero altissimi dobbiamo impegnarci un po’ di più.

La concorrenza la possiamo identificare in questo caso nelle realtà di affitti brevi.

Dobbiamo quindi applicare con maggior rigore le tecniche e procedure apprese nel nostro percorso formativo!.

Ricapitoliamo:

Acquisizione immobile, ristrutturazione con pochi soldi, sublocare allo studente = RENDITA SEMI-AUTOMATICA e CASH FLOW.

Se sei interessato a quanto hai appena letto sarai felice di sapere che sono ancora aperte le selezioni per la nostra campagna affiliazione 2018/2019 su tutto il territorio nazionale.